Menu Content/Inhalt
Home
COMITATI IN RETE PDF Stampa E-mail

rete_comitati_24_ott_2011_031_1

 

COMITATI

IN

RETE

 

Nella serata di lunedì 24 ottobre si è tenuto a Medicina il primo incontro unitario dei comitati contrari alla realizzazione ed alla concentrazionei nel territorio della pianura padana degli impianti a biomassa che non siano sostenibili

I comitati di Budrio, Castello d’Argile, Castenaso, Galliera, Malalbergo, Medicina,San Pietro in Casale, Vigarano Mainarda, insieme a Legambiente Medicina, Legambiente Alto Ferrarese, al WWF Emilia-Romagna chiedono una moratoria immediata sulla costruzione delle centrali a biomassa che utilizzano per alimentarsi terreno fertile sottraendolo all’attività primaria: la produzione di cibo.

Chiedono che la moratoria sia preparatoria alla definizione dei Piani Energetici Comunali (PEC) senza i quali non si possono costruire selvaggiamente centrali a biomassa, parchi fotovoltaici su terreni agricoli e centrali eoliche.

I Piani Energetici Comunali sono propedeutici a definire per ogni territorio:

· Quanta energia si consuma

· Quanta energia si può risparmiare

· Di quanta energia si ha bisogno

· Quale energia rinnovabile si può produrre rispetto alle caratteristiche del territorio stesso.

Queste sono le basi senza le quali non si può partire a costruire centrali non supportate da bisogni effettivi e certificati.

Tutti i comitati, Legambiente e WWF sono altresì d’accordo che le centrali a biomassa assolutamente compatibili con il territorio sono tutte quelle che chiudono un proprio ciclo produttivo:

- centrali che utilizzano scarti agro alimentari della propria produzione nell’industria agro-alimentare(es. Pizzoli, Yoga, ecc,…);

- centrali esercite presso allevamenti bovini, suini, avicoli, che utilizzano i liquami prodotti dall’allevamento medesimo;

- centrali che utilizzano, sul posto, scarti agricoli prodotti dai coltivatori medesimi (es. sfalci, potature, ecc,…);

- centrali che utilizzano il gas prodotto dalle discariche;

- centrali completamente chiuse, compreso vasche digestato e stoccaggio della materia prima, come avviene nel resto del mondo, dove non fanno puzza.

Queste sono le centrali che a nostro avviso non solo sono sostenibili, ma traguardano il futuro dei nostri agricoltori, nostro e dei nostri figli, in quanto sono centrali ad impatto minimo, sono centrali a km 0 che non hanno bisogno di tonnellate di combustibili fossili per poter funzionare (trasporto), sono le centrali di piccola taglia che pensiamo incontrerebbero anche il favore della cittadinanza intera.

I comitati uniti hanno deciso, per portare un ulteriore contributo alla discussione ed alla condivisione della visione strategica delle energie rinnovabili, di organizzare a brevissimo, nel comune di Budrio, una conferenza con relatori di alto profilo, contrari alla realizzazione di centrali che utilizzano terreno fertile, conferenza il cui invito sarà rivolto anche ai futuri candidati sindaci di Budrio, in modo che i cittadini possano chiedere direttamente ai canditati quale posizione intendano assumere su questa problematica.

I comitati uniti hanno altresì deciso di chiedere a tutte le forze politiche di prendere una posizione netta su questo tema, in modo chiaro e preciso.I comitati cittadini ringraziano Legambiente e WWF per la presa di posizione chiara e limpida, a fianco dei cittadini.

Ultimo aggiornamento ( giovedý 27 ottobre 2011 )
 
< Prec.   Pros. >

Annunci

Destinare il 5x1000 a Legambiente...

...ti ripaga in natura

Destinare a Legambiente Medicina il 5 x mille delle tue imposte è molto semplice. Sulla CERTIFICAZIONE UNICA o sui modelli per le dichiarazioni dei redditi, 730 o UNICO, firma nello spazio riservato al “Sostegno del volontariato, …” ed inserisci il codice fiscale di Legambiente Medicina: 92033690378. 

 
 

Discarica Tre Monti: Vediamoci Chiaro...

DISCARICA TRE MONTI

AUTODROMO IMOLA

AUTODROMO IMOLA

Circoli locali

San Lazzaro

Chi e' online

Abbiamo 3 visitatori e 1 utente online